Blog

La salute delle banche nostrane sembra in buono stato a vedere dai prospetti dei dividendi che quasi la totalità delle banche sia appresta ad erogare nel 2022. Ma è tutto vero? In un periodo di crisi come quello che stiamo vivendo come è possibile che i bilanci delle banche siano così floridi?

Prima di analizzarne i motivi riflettiamo sul significato di banca e della sua utilità.

La banca è un'azienda che ha la funzione principale e di pubblica utilità di conservare i soldi (conto corrente) e di prestare parte di quei soldi ad altre aziende o privati. Lo schema è il seguente (i valori sono a titolo di esempio):

  1. Io, cliente, mi reco in filiale e apro un conto di 1.000 euro presso una banca con un tasso di interesse pari a zero.
  2. La banca prende i 1.000 euro e sa che statisticamente il 20% non verrà usato, circa 200 euro e li rende disponibili sul mercato.
  3. La banca riunisce tutti i 200 euro dai clienti e presta 10.000 euro ad una società con un tasso del 2% annuo per 10 anni.

Il margine della banca è di 10.000 moltiplicato 2% annuo meno il costo per il finanziamento che abbiamo ipotizzato è zero in linea con quanto avvenuto fino ad ora. Prendo gratis i soldi e li presto maggiorati.

Questo schema riassuntivo è in sintesi quello che fa o dovrebbe fare una banca. Le altre attività dovrebbero essere corollario e ad integrazione dell’attività principale.

Ora, cosa succede, se inizio a pagare i depositi dei clienti il 2% invece che zero?

Che il margine della banca si riduce a zero. Cosa accade sei i tassi sui depositi salgono al 4%? Che la banca va in perdita.

È possibile per la banca coprirsi da tale rischio? Si, ma essendo un rischio intrinseco all'attività bancaria in una situazione di inflazione globale il fattore di rischio non è assicurabile con una controparte a somma zero; qualcuno ci deve perdere.

I rischi sono la sterilizzazione della valutazione al “fair value” (valore giusto o di mercato) dei titoli di stato disponibili alla vendita e l’accesso ai finanziamenti della BCE a costo zero tramite il programma TLTRO. Ma vediamo in dettaglio.

L'Italia ha chiesto ed ottenuto che il valore delle obbligazioni disponibili alla vendita nei bilanci delle banche non sia influenzato dal valore del tasso d'interesse attuale fino al 2025 secondo quanto emerso nella posizione approvata dall'Ecofin su Basilea 3. Questo perché i bilanci delle banche sono pieni di titoli di stato e poiché il valore del titolo si ottiene scontando i pagamenti futuri al tasso d'interesse attuale anche se stipulati precedentemente, oggi un incremento del tasso di interesse di fatto ne determina una riduzione del valore. Ma non viene riportato nei bilanci.

Le banche negli ultimi anni hanno avuto accesso a finanziamenti dalla BCE a costo zero tramite il programma TLTRO, cioè invece di gestire i risparmi dei clienti presso i conti correnti, le istituzioni hanno preferito finanziare direttamente a costo zero le banche in un’ottica di una politica monetaria espansiva. Ma questi finanziamenti erano ancora in essere a quasi tutto il 2022 e sono in esaurimento; infatti, le banche iniziano ad offrire di nuovo rendimenti sui conti correnti per reperire nuovi capitali. Nei bilanci, le banche hanno continuato ad usufruire di finanziamenti a tasso zero nonostante i tassi di interesse siano aumentati aumentandone il margine nel breve periodo. In futuro non sarà possibile ed il rischio è che le banche siano costrette a pagare rendimenti sui conti correnti superiori a quanto ottenuto finanziando le aziende in questi ultimi anni.

Il rischio è enorme e sistemico, se l'inflazione perdura oltre 3 anni, le banche dovranno fare i conti con una mega svalutazione che accorpa 3 anni di bilanci in cui sono stati distribuiti dividendi e ovviamente bonus ai manager senza meritarli. Riproduzione Riservata

Leggi tutto…

Articolo di Bryan Gould di Capital.com (Traduzione a cura di Google e Fabio Muggeri)

https://www.reuters.com/article/sponsored/are-us-tech-stocks-still-overvalued?utm_medium=paid+social&utm_source=facebook&utm_campaign=Capital&utm_content=6325629138688

Le azioni tecnologiche sono state le predilette nel portafoglio di ogni investitore amatoriale per un po' di tempo, con i prezzi delle azioni delle grandi società tecnologiche che sembrano aumentare all'infinito di valore. Sì, i rischi sono sempre alti, ma molte delle aziende più preziose del mondo sono società tecnologiche. E chi potrebbe non lasciarsi sedurre dall'idea di investire nella prossima Amazon o Apple?

Inoltre, i titoli tecnologici sono spesso un elemento di supporto per l'economia e il mercato azionario in generale.

La pandemia ha fatto impennare i titoli tecnologici. I titoli FANG - denominati da Facebook, Amazon, Netflix e Google, ma inclusi anche Microsoft e Apple - hanno contribuito a elevare l'S&P 500 del 400% dai minimi del 2009 e l'indice Nasdaq 100 è salito di oltre il 700% nello stesso periodo, lasciando altri mercati molto indietro.

Tutto è cambiato, tuttavia, quando il mercato rialzista è terminato. La prima metà del 2022 ha visto il peggior inizio di Wall Street in 50 anni, grazie alle tensioni geopolitiche, all'impennata dei prezzi dell'energia e all'aumento dei tassi di interesse. Negli ultimi sei mesi le azioni tecnologiche sono crollate: Tesla è scesa del 30%, le azioni Microsoft sono scese del 16% da $ 334,75 di gennaio a $ 280,74 alla chiusura del mercato il 29 luglio 2022, Apple in calo del 13% e Amazon a un certo punto in calo del 39%.

Poi, tra luglio e i primi giorni di agosto, le cose hanno ripreso a prendere slancio, con il rialzo del Tech 100 statunitense dopo le osservazioni del presidente della Fed Jerome Powell secondo cui i tassi di interesse sono "neutri".

Le azioni tecnologiche statunitensi sono state sopravvalutate?

Le azioni tecnologiche sono generalmente considerate investimenti ad alto rischio. L'ondata di denaro a buon mercato durante il periodo della pandemia ha visto gli investitori prendere in prestito ai minimi storici e investire i loro fondi in tecnologia e criptovalute* per rendimenti elevati. Negli ultimi mesi, mentre le banche centrali hanno ritirato quei soldi a buon mercato, riducendo il quantitative easing o aumentando i tassi di interesse, abbiamo visto gli investitori trarre profitto da questi guadagni e con questo un inevitabile calo dei prezzi.

Le banche centrali che inviano messaggi sbagliati ai mercati finanziari e sono lente a reagire hanno probabilmente anche esacerbato alcune delle mosse mentre cambiano rotta dall'essere in attesa per poi passare a un orientamento al rialzo. Con la spirale dell'inflazione e la necessità di maggiori aumenti, il mercato è stato nervoso e volatile e potremmo dover aspettare che la Federal Reserve annunci che sono in attesa prima che la fiducia ritorni.

C'è una forte argomentazione che con quei grandi flussi di fondi nei titoli tecnologici durante il 2020/2021, il settore è stato sopravvalutato. Per i titoli "lockdown" come Peloton Interactive, Inc o Zoom Video Communications questo è quasi certamente il caso: ora vengono scambiati a una frazione dei loro massimi storici. Tesla Inc., il titolo simbolo della pandemia, ha visto la sua valutazione diminuire della metà tra novembre e maggio 2022 prima di riguadagnare terreno di recente.

Complessivamente, il Nasdaq è ora in calo del 30% rispetto all'anno dopo aver visto un po' di rimbalzo. Ciò ha portato molti ad avvertire di un crash guidato dalla tecnologia come il crollo della bolla dot.com alla fine degli anni Novanta.

Quali sono le prospettive per i titoli tecnologici statunitensi?

Non c'è dubbio che alcuni titoli rimangono un investimento ragionevole e gli investitori dovrebbero guardare al calo per ottenere esposizione a determinate società a cui sono interessati. Tuttavia, alcuni analisti suggeriscono che la caduta non è finita e che gli utili della società inizieranno a concentrarsi se gli Stati Uniti dovessero subire una recessione prolungata. Altri hanno sottolineato che quelle società tecnologiche che hanno sviluppato un forte saldo di cassa durante la pandemia (come Alphabet e Microsoft) saranno in grado di espandersi e fare acquisizioni strategiche nei prossimi mesi.

Di recente il presidente Biden ha firmato il Creation Helpful Incentives to Produce Semiconductors and Science Act del 2022 (CHIPS) fornendo 52 miliardi di dollari di sussidi nei prossimi cinque anni per aumentare la produzione di chip negli Stati Uniti, affrontare i problemi della catena di approvvigionamento e ridurre la dipendenza del paese da luoghi come Taiwan e Cina. Gran parte dell'industria tecnologica dipende dalla fornitura di semiconduttori. Tuttavia, dato il costo più elevato della produzione statunitense, non è chiaro quanto possa essere competitivo a livello globale e se ciò potrebbe portare a ulteriori pressioni inflazionistiche. Il successo dell'atto dipende dalla rapidità con cui può essere implementato, dato che le carenze sono attualmente così estreme.

Con le fibbie delle cinture che si stringono ovunque, si consiglia agli investitori tecnologici di attenersi a ciò che possono permettersi, con la consapevolezza che potrebbe volerci del tempo prima che alcuni titoli tecnologici vedano una crescita solida.

Per ulteriori informazioni sui titoli tecnologici, il loro effetto sul dollaro e informazioni più specifiche del settore, vai su capital.com L'81,40% dei conti CFD al dettaglio perde denaro.

Leggi tutto…

La fake news del collasso


Iniziamo con il dire che gli annunci di collasso in Italia ed Europa della società per questioni economiche sono falsi, il collasso economico potrebbe avvenire da eventi esterni come guerre o carestie ma i dati attuali prevedono invece una piccola recessione nel 2023.

La possibilità che lo stato non riesca a pagare il debito pubblico è scarsissima, infatti, l’aumento dell’inflazione in un certo senso spalmerà il debito pubblico sull’aumento dei prezzi. Dovete infatti sapere che l’inflazione, oltre a rendere più poveri chi la subisce, agisce come “diluitore” dei debiti alleggerendo anche il debito pubblico.

In questo periodo sarà normale assistere ad una discesa dei volumi delle transazioni di azioni a vantaggio delle emissioni di debito pubblico. Ci troviamo in un periodo di crisi in cui i governi hanno più bisogno di risorse rispetto al settore privato.

Difficilmente il rating dei titoli di stato italiani scenderanno a livello spazzatura finché l’Italia sarà allineata alle direttive europee e Nato.

La possibilità della corsa agli sportelli ATM è un evento senza senso in quanto le autorità possono benissimo limitare la quantità massima prelevabile. Mentre il prelievo forzoso dai conti correnti è una misura estrema da medioevo in quanto viola il principio costituzionale della capacità contributiva sebbene sia ammesso dalle autorità come ultima spiaggia.

L’euro esisterà finché Italia, Francia e Germania la supporteranno. È una questione politica e non economica.

L’unico rischio è che il deterioramento del settore privato sia maggiore delle aspettative innescando licenziamenti di massa difficili da contenere a livello sociale e al momento il tasso di disoccupazione non giustifica tale preoccupazione.

Ad ogni modo siamo in una nuova era in cui nulla sarà più come prima, il grande inverno tra occidente e oriente è già in corso e l'economia capitalistica rischia di incepparsi nella sua ipotesi principale: il futuro è meglio del passato.

Ma in questo periodo turbolento come investire i propri risparmi? La risposta corretta è dipende.

Ma da cosa dipende? Dipende dalla propensione al rischio del risparmiatore, dalla cifra che si vuole investire e dalla vostra esperienza.

In generale gli investimenti si dividono in rischiosi, non rischiosi e non lucrativi:

Gli investimenti rischiosi sono in startup, criptovalute e altre attività imprenditoriali: generalmente la probabilità di successo in queste attività è del 10% circa, molto basso per chi vuole investire senza rischiare. Idealmente, queste tipologie di attività sono consigliate ad esperti del settore di competenza e imprenditori.

Gli investimenti non rischiosi sono l'acquisto di azioni di paesi industrializzati, obbligazioni di aziende quotate o di governi (debito pubblico) e di strumenti finanziari regolamentati e di immobili. In generale dovete sapere che in economia il mercato tende a regolarsi da solo, nel senso che quando investite il rendimento è legato al rischio. Più è alto il rischio di perdere in proporzione più elevato è il guadagno e il mercato cerca di regolarsi da solo in assenza di asimmetrie informative. Tuttavia, proprio a causa delle asimmetrie informative consiglio la consulenza di un esperto. Non solo, la tempistica è fondamentale in questa tipologia di investimenti e ciò che era più conveniente fare il mese prima potrebbe non esserlo più il mese dopo. 

Gli investimenti non lucrativi sono quelli in educazione, attività, viaggi, corsi di vario genere e sport. Sono i miei preferiti in quanto permettono una crescita interiore personale sebbene il guadagno non sia presente in forma economica diretta. Tuttavia, offrono opportunità ed opzioni di vita non quantificabili economicamente nel breve periodo, ma nel lungo periodo possono trasformare la vostra vita: tutto il mondo è un ufficio.

Leggi tutto…

Prospettive economia Italia 2022 e 2023


Il prospetto dell'ISTAT (comunicato stampa) del 7 giugno 2022 sull'economia in Italia lascia spazio ad un peggioramento del PIL in vista dei problemi legati alla guerra in Ucraina, al cambiamento climatico e alla pandemia Covid. Le previsioni sono di un Prodotto Interno Lordo + 2,8% per il 2022% e di un +1,9% per il 2023 sebbene il segno positivo sia solo il frutto di un Pil negativo del 2020 di -9%. e degli investimenti in costruzioni +5,5% (Bonus 110 e PNRR). Lo spettro della recessione è legato a fattori esterni non "governabili" con misure ordinarie.

Sul fronte occupazione il quadro sembra molto diverso a causa dell'aumento della mortalità e ad un cambiamento strutturale di filosofia di vita: il covid ha modificato profondamente il comportamento delle persone molto più attente oggi ad uno stile di vita accettabile a discapito del guadagno: il tasso di disoccupazione per il 2022 è stimato al 8,4% contro il 9,2% del 2020. 

Se da un lato abbiamo una visione del futuro negativa che impatta sulla quantità e qualità degli investimenti nuove opportunità all'orizzonte si scoprono attrattivi: la cura alle persone, agli animali, all'ambiente e alla sicurezza nazionale e privata.

Il cambio dollaro/euro riflette un peggioramento dell'economia europea rispetto agli Usa. Siamo tutti sulla stessa barca e chi gestisce meglio il nuovo "disordine" mondiale riuscirà a contenere l'impatto della crisi sulla tenuta sociale. Riproduzione Riservata

 

 

Leggi tutto…

Che cosa è il marketing?


Il marketing è una specializzazione manageriale economica nata negli anni '30 in Usa e codificata nelle società industriali ad opera della General Electric. Non che prima non esistesse il concetto ma era lasciata alla libera interpretazione degli indivudi e della società. Già in epoca romana, gli antichi usavano marchiare il vino per differenziarsi dalla concorrenza.

Oggi, diventata di dominio pubblico, fatica ad essere capita e il più delle volte si confonde il marketing con la pubblicità o la promozione.

Il marketing si divide in quattro macroaree: prodotto, prezzo, luogo e promozione/publbicità. Gli americani le chiamano marketing mix o le 4 P: product, price, place e promotion. (Immagine da wikipedia)

10465979877?profile=RESIZE_710x

  • La politica del prodotto è l'insieme delle decisioni su innovazione, sviluppo, gestione ed eliminazione dei prodotti. Esempio tipico è l'Iphone: nel lancio del primo modello era stato sufficiente mostrare la portata del cambiamento solo attraverso un gesto.
  • Il prezzo è l'elemento fondamentale della stretegia di marketing in quanto permette di posizionare il prodotto nella fascia desiderata e perchè in linea teorica dovrebbe ottimizzare il profitto; ricavi meno costi.
  • La scelta distributiva e il luogo riguardano quali canali distributivi scegliere, la forza di vendita del personale, la logistica e le sedi fisiche e virtuali. Pensate alla logistica di Amazon (o alla sede di BMW Italia), è essa stessa marketing.
  • Pubblicità e promozione. Qualcuno la definisce l'anima del commercio ma se avete fatto un buon lavoro con le prime tre potreste vivere anche solo di passa parola. 

Dal punto di vista semantico, il marketing prende il nome da to market e si riferisce a tutte quelle operazioni per portare sul mercato un prodotto o un servizio ovvero favorire il miglior incontro possibile tra domanda e offerta. Riproduzione Riservata

 

Leggi tutto…

I pannelli solari sono la tecnologia "green" più promettente che abbiamo ma il suo sviluppo tecnologico viaggia alla velocità di una lumaca. Fin dal suo esordio nel 1883 da parte di Charles Fritts siamo arrivati ad una media di efficienza pari a circa il 20% dell'energia fornita dalla luce. Nella tabella trovate le caratteristiche per marca e prodotto dei migliori pannelli in commercio fornita da Clean Energy Reviews. La competizione è veramente serrata e l'innovazione si gioca su differenze minime e ogni innovazione porta qualche decimo di punto percentuale in più.

10454087293?profile=RESIZE_710x

Resta ancora da risolvere la gestione manutentiva rigorosa e automatizzata senza la quale risulta abbastanza difficile ipotizzare una reale efficacia. Pensiamo ad esempio alla pulizia dei pannelli in aree desertiche in cui la polvere e la sabbia ricoprono giornalmente la superficie assorbente. Sembrerebbe che l'innovazione con robot di sistemi autopulenti e automanutentori siano la chiave per lo sviluppo di grandi reti fotovoltaiche.

L'innovazione sembra puntare su forme, geometrie, materiali e funzioni diverse. Secondo gli scienziati dell’Università del Surrey e dell’Imperial College di Londra è possibile un assorbimento con il 25% in più rispetto ad altri pannelli delle stesse dimensioni con la forma “a nido d’ape” in quanto permette di catturare la luce nelle diverse angolazioni. Dall'altra parte del mondo, un team di ingegneri della Stanford University ha sviluppato una cella solare in grado di generare elettricità di notte tramite un generatore termoelettrico che estrae elettricità dalla piccola differenza di temperatura tra l’aria più fresca della notte e la cella solare stessa. Mentre una ricerca portata avanti dall’Università di Sheffield e dal Latia Agripreneurship Institute, ha individuato una nicchia sull’uso dell’agrivoltaico. Parliamo di una tecnica specifica, che sfrutta al massimo l’energia del sole facendo ombra alle colture che si trovano sotto di loro.

Ultima frontiera è l'utilizzo nello spazio che garantirebbe un assorbimento maggiore dovuto alla radiazione diretta ma al momento pare non fattibile in quanto non sapremmo come distribuirla. 

Leggi tutto…

Vantaggi

  1. no cookies di tracciamento, no google analytics, contatore interno pubblico
  2. no pubblicità, l'unica pubblicità è la vostra
  3. per ogni Fake News che trovate, ABC Economia.it - scrivere a info @ abceconomia.it - riconosce 50 euro al primo che invia l'email.
  4. ricerca Founder
  5. i post pubblicati sul blog vengono caricati sulla pagina facebook e linkedin di ABC Economia
  6. forum e contenuti privati
  7. per registrarti devi cliccare su Mr Principe. Indovina chi è?

Costi

  1. Utente Imprenditore 50 euro l'anno
  2. Utente Professionista 50 euro l'anno
  3. Utente Consulente 150 euro l'anno
  4. Inserimento Studi e Società in Consulenza 450 euro l'anno
  5. Inserimento Spa quotata FTSE MIB in finanza 1.000 euro l'anno (Leonardo)

Sole24ore Economia

Sole24ore Management